Piellepiù

L’esigenza di un’organizzazione al passo con le ambizioni dell’azienda

La storia di Piellepiù è intrecciata da sempre con quella della famiglia Gestri. L’azienda affonda le sue radici nel 1990, quando fu fondata la Maglieria PL. Il passaggio da Maglieria PL a Piellepiù è invece avvenuto nel 2001, quando i due figli del fondatore hanno portato nuovi impulsi e nuove ambizioni.

Tuttavia, le potenzialità e le ambizioni di crescita dell’azienda restavano bloccate da problemi organizzativi e di struttura.

Nel 2011, quando siamo stati contattati, in Piellepiù mancavano sia una struttura aziendale ben definita che un sistema di controllo di gestione efficiente. L’impronta dell’azienda familiare era troppo invadente e si rifletteva in un’organizzazione ancora informale, non adeguata a ciò che Piellepiù stava diventando.

I componenti del management erano abituati ad occuparsi un po’ di tutte le aree aziendali, senza una vera suddivisione di ruoli e una responsabilizzazione diretta sui risultati. Le decisioni manageriali si basavano su esperienza, intuito, ma non su dati numerici affidabili e completi.

La nostra proposta

L’azienda aveva bisogno di una sistematizzazione sia nei processi decisionali che nelle procedure interne: la creazione di una struttura organizzativa più efficiente era il primo punto su cui lavorare. I successivi sarebbero stati la creazione di un sistema di controllo di gestione adeguato e un aumento dell’efficienza produttiva.

Sebbene non fosse fra gli obiettivi che ci erano stati indicati all’inizio del nostro mandato, un’altra esigenza sarebbe sorta a breve. Quella di accompagnare il passaggio delle consegne, all’interno dell’azienda, dai fondatori ai due figli.

Gli interventi

Per Piellepiù abbiamo pianificato e svolto un insieme di interventi che, uno dopo l’altro, andassero a costituire una struttura organizzativa solida e funzionale.

  • Siamo partiti da interventi mirati di coaching e formazione per il management dell’azienda, ed in particolare per i due fratelli Gestri. Ne sono derivati un miglior allineamento sugli obiettivi, una visione condivisa per l’azienda, la formalizzazione di procedure di comunicazione anche verso i collaboratori e l’abitudine a incontri mensili di programmazione e verifica.
  • Attraverso un’attenta analisi abbiamo messo in evidenza i cambiamenti necessari nella struttura organizzativa, ridefinendo i ruoli e le mansioni assegnate al personale esistente. Abbiamo poi aiutato nell’individuazione di quelle figure che erano, invece, mancanti ma necessarie.
  • Abbiamo infine creato un sistema di controllo e gestione su due diversi livelli: uno globale, ed uno riferito ai singoli reparti. Che si tratti di verificare la di produttività di un reparto o di controllare i costi complessivi, adesso tutte le variabili numeriche sono sotto controllo.
  • L’adozione di software specifici ha permesso di automatizzare e rendere più veloci l’attività di reportistica e budget.

piellefatt

I risultati

Piellepiù si è rafforzata dal punto di vista finanziario e della produzione: l’armonia, la migliore organizzazione, un sistema informativo affidabile hanno portato ad una crescita importante del fatturato.

I risultati ottenuti si possono evidenziare con un confronto con la situazione fotografata dal bilancio 2011 e quello del 2015.

Nel 2011…

Nel 2015…

In Piellepiù lavoravano 11 persone, compresi i quattro membri della famiglia Gestri. Le persone che lavorano in Piellepiù sono salite a 16.
Il fatturato ammontava a 2,2 mil di euro. Il fatturato è più che raddoppiato, fino a 4,9 mil di euro. Si è rafforzata anche la posizione finanziaria e l’azienda ha oggi il massimo rating bancario.
Il capannone dove si svolgeva l’attività era in affitto e non esistevano impianti di produzione interni. Sono stati comprati sia l’immobile dove l’azienda già lavorava, sia la porzione accanto. È stata sviluppata una linea interna per il taglio automatico con tre addetti dedicati.

Cosa forse più importante di tutte, i fondatori hanno ritenuto che fosse giunto il momento per cedere interamente le quote ai due figli e lasciare che siano loro a guidare Piellepiù, utilizzando un nuovo stile manageriale, consapevole e adatto ad affrontare le sfide del futuro.

Ed oggi?

Piellepiù sa di essere cresciuta molto in anni nei quali l’intero settore ha invece subito un momento di arresto e si prepara a nuove sfide.

La crescita osservata è dipesa da fattori di organizzazione e produttivi: non è stato fatto leva né sul mercato estero né su progetti commerciali strutturati. Solo il futuro potrà dirci cosa accadrà agendo anche su queste leve, attraverso analisi di mercato mirate e con la ricerca dei giusti partner commerciali. Sono infatti queste le azioni previste dagli attuali piani di sviluppo.

Certamente se la strada fosse sbagliata Piellepiù se ne accorgerà per tempo e potrà cambiare la rotta… voi potreste farlo?

AZIENDA

SETTORE

Produzione abbigliamento

TEMA DEL PROGETTO

Organizzazione aziendale e passaggio generazionale

PERIODO

Progetto descritto: anni 2011-2012 – La nostra collaborazione con Duesse è tutt’ora in corso

VUOI CONOSCERE TUTTI I DETTAGLI DEL PERCORSO 4×4?
SCOPRI SE IL NOSTRO PROGETTO FA AL CASO TUO

VUOI CONOSCERE I NOSTRI CASI DI SUCCESSO?
LEGGI COSA ABBIAMO FATTO PER I NOSTRI CLIENTI

SCOPRI I NOSTRI CORSI DI FORMAZIONE.
CONSULTA IL CALENDARIO E SCEGLI IL CORSO ADATTO A TE